Startup, ecco App On: 2 milioni dalla Regione Lazio per sviluppatori

Presentato il bando che sostiene progetti fino a 40 mila euro. Si rivolge ad under 35 e a Pmi. Per partecipare c’è tempo fino al 31 maggio

appon

Due milioni di euro messi a disposizione dalla Regione Lazio per i giovani sviluppatori di app per cellulari e tablet del territorio. Per sviluppare idee pensate per favorire il turismo e l’economia, in ambiti come mobile commerce, smart city, efficienza energetica, accessori tecnologici indossabili
Si chiama App on ed è il bando presentato oggi dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e dall’assessore allo Sviluppo economico Guido Fabiani.
Il bando finanzia i progetti fino a 40 mila euro, e mette in contatto i giovani creativi con aziende disposte a investire e con professionisti ed esperti in grado di accompagnarli (QUI le info per partecipare).

A CHI SI RIVOLGE Destinatari dell’avviso pubblico pubblicato lo scorso 25 febbraio e attivo fino al 31 maggio sono i giovani under 35 non occupati e senza partita Iva. Possono manifestare il loro interesse le Pmi costituite da almeno un anno, con sede operativa nel Lazio e che abbiano prodotto almeno una app negli ultimi cinque anni, e i professionisti, gli esperti del settore e gli sviluppatori affermati (coach).

Viene finanziato fino al 100% dei costi di realizzazione di una app, con un contributo massimo per progetto di 40 mila euro. Requisito di base l’originalità e l’innovazione: verranno scartate le app che ripropongono, anche con varianti, quanto già presente sul mercato. Il bando prevede che, una volta selezionati i progetti, si proceda a far incontrare i giovani sviluppatori con le imprese interessate a sviluppare le loro idee e con i coach che seguiranno tutte le fasi del progetto, fino al lancio delle app sul mercato.
Dopo la scadenza del 31 maggio per la presentazione delle idee passeranno 30 giorni nei quali una commissione valuterà i progetti e pubblicherà una graduatoria con le 70 migliori idee. A quel punto si passerà alla seconda fase: un incontro per farla conoscere alle imprese. Col supporto del coach sarà sottoscritto un accordo con l’azienda interessata a produrre la app. La durata massima del progetto è di 6 mesi.

IL PRESIDENTE ZINGARETTI «App on è un bando che fa parte di un pacchetto di 4 milioni di euro per applicazioni per computer e smartphone, per nuovi servizi sui campi più diversi come il turismo, la fruizione culturale, la promozione e l’internazionalizzazione – ha detto il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti – chi vincerà i bandi sarà seguito da un tutor e costruiremo un rapporto con le piccole e medie imprese. Stiamo dando corpo – ha sottolineato – a qualcosa che non c’era, una politica per le startup, per l’inizio, il sostegno e l’avvio di imprese innovative. Scommettiamo sui giovani, sulla loro creatività, sul loro merito e la loro voglia di fare. Anche per questo da tre giorni è partita la campagna sui siti web per promuovere questi bandi ma la campagna sarà anche nelle università e nelle scuole, perché è bene far conoscere a coloro che hanno un’idea questa opportunità».

CREDIAMO NELLE STARTUP «Questi bandi rappresentano l’intenzione della Regione di stimolare idee innovative e la partecipazione delle numerose energie giovanili del Lazio. Noi con questo bando già avviato e con gli altri tre che seguiranno, vogliamo inserire tutto questo in una politica generale che riguarda le start up e in cui crediamo molto – ha detto l’assessore allo Sviluppo economico della Regione Lazio Guido Fabiani – questo è solamente l’inizio – ha aggiunto – è ovvio che non basta solamente stimolare le energie. Bisogna dare poi a queste energie i fondi e le condizioni per installarsi e per rapportarsi con il tessuto delle imprese che possono acquisire le innovazioni delle startup. Dobbiamo fare in modo, come avviene in Lombardia – ha detto ancora Fabiani – che il mondo delle imprese della regione Lazio sostenga queste iniziative. Questa è la strada che noi abbiamo davanti, e penso che ci riusciremo perchè siamo molto determinati».