SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative

Al laghetto fine settimana con talk, aperitivi, open classes e workshops dedicati a progetti innovativi e artigiani digitali

Roma incontra il mondo, la storica manifestazione dell’Estate Romana, curata da una manifestazione da Arci RomaHumus, punta diritta sull’innovazione. Al laghetto di Villa Ada spazio a talk, aperitivi, open classes e workshops dedicati a fablab, startup innovative, artigiani digitali, delle smart communities e del mondo della ricerca e della formazione. Tutto questo è Smart Camp, più che un contenitore, una finestra sul futuro che si è aperta il 5 luglio e si chiuderà il 27 con gli ultimi tre giorni di attività. Federico D’Orazio, 33 anni, è il co-founder di Lo Studio Dorme, che si è occupato del concept di Smart Camp

SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative

IL PROGRAMMA

Venerdì, sabato e domenica alle 19.30 focus su Arduino e Phisical Computing. Nel dettaglio il 25 luglio alle 19.30 al Lab Arduino si punta a Costruire una lampada RGB interattiva (per registrarsi QUI). Sabato alle 19.30 lab su Linux Embedded e Robotica (QUI per registrarsi) e talk su talk  su Cityvision & Lab (QUI per registrarsi). Domenica poi alle 19 open class su Startup e Fondi: guida pratica all’orientamento e alle 20.30 presentazione di Scanner, progetto di Scripta Manent (QUI per registrarsi).

 

SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative

«A Villa Ada – Roma Incontra il Mondo fino all’anno scorso c’erano solo concerti – spiega Federico D’Orazio – l’esigenza era creare uno spazio di cultura. Abbiamo pensato ad un festival dell’innovazione sociale, culturale e tecnologico. Un modo per far incontrare i ricercatori del Cnr ad esempio con i designer. Le attività di Smart Camp si concentrano il venerdì, sabato e domenica – ha aggiunto Federico – la prima settimana abbiamo lavorato su prototipazione digitale e stampa 3D, poi taglio laser e moda e per l’ultima settimana puntiamo su Arduino». Un bilancio? «il Festival ha avuto un’ottimo risultato in termini di attenzione, da realtà molto diverse tra loro».

FABLAB SPQWORK A Villa Ada non si parla solo di innovazione ma l’innovazione la si costruisce pezzo per pezzo. Fablab Spqwork, l’officina digitale di Tommaso Spagnoli ha portato a Villa Ada – Roma Incontra il Mondo  sedie, divanetti e tavoli. «Ogni componente di arredo è composta da una sola tavola, che, tagliata e assemblata, forma diversi oggetti – ha spiegato il co-founder del Fablab – abbiamo realizzato una sedia lounge, un tavolo basso, lo sgabello con il buco per mettere i bicchieri». Su ogni pezzo c’è il nome del designer Giulio Patrizi, il logo del Fablab e quello di Villa Ada. Non solo. C’è anche un QR code. «Se lo vedi e ti piace, insomma puoi anche acquistarlo» dice sempre Tommaso Spagnoli.

Ecco le foto della preparazione

SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative

Ed ecco quelle dell’installazione a Villa Ada

SmartCamp, il futuro a Villa Ada tra fablab e startup innovative