Roma Cleanweb Hackaton, l’app? Green e sostenibile

A Luiss Enlabs il lancio della maratona dedicata agli sviluppatori di progetti eco: dal 17 al 19 gennaio team al lavoro su smart mobility e livelli di inquinamento

cleanwebCreazione di applicazioni per mappare i consumi energetici delle città e per la gestione del traffico del car e bike sharing, strumenti per la pianificazione economica di investimenti nel solare e nell’eolico, per lo scambio di informazioni sui punti di riciclaggio, un ranking per la localizzazione sostenibile dei datacenter o app per calcolare le proprie emissioni di Co2. Soluzioni green che arrivano dalla tecnlogia, e dalle app. Cleanweb Hackathon è anche questo: un incontro fra sviluppatori di software, esperti di web, designer, professionisti, aziende del mondo green, pubblica amministrazione e investitori per sviluppare applicazioni in ambito energetico e ambientale. L’appuntamento è dal 17 al 19 gennaio all’acceleratore Luiss Enlabs – La fabbrica delle startup, in Giolitti 34, dove il 17 dicembre alle 18.30 ci sarà il lancio  dell’iniziativa.

Dopo gli eventi di San Francisco e New York, tre giorni per lanciare ancora più in alto il Roma Cleanweb Hackathon, facendo sì che l’appuntamento della Capitale diventi riferimento annuale nella creazione di nuovi metodi di gestione delle risorse. Durante l’evento saranno anche premiati i team con i migliori progetti innovativi. Cambiamenti climatici, smart mobility, controllo dei livelli di inquinamento ed efficienza energetica: queste i temi su cui lavoreranno i team durante la tre giorni.

L’EDIZIONE PRECEDENTE Ben 600 ospiti, 80 sviluppatori e 17 team con altrettante app: questi i numeri dell’edizione 2012 di Roma Cleanweb Hackathon (la seconda edizione europea), che si è tenuta lo scorso anno a Roma Tre. Il primo premio di 3500 euro è andato al team di “Pool Me Up”, un progetto di car e bike sharing. Il secondo premio (1000 euro) è andato al team di “Breath-In” con un app per il controllo mobile delle informazioni ambientali. Il terzo premio è andato a “Nobuto”, un progetto sul riuso e riciclo.

FROM SILICON VALLEY Dietro Cleanweb Hackathon c’è Cleanweb Initiative, associazione senza scopo di lucro, nata negli Stati Uniti nel settembre 2011 con l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di soluzioni tecnologiche di problemi legati a risorse e ambiente (gestione dei cambiamenti climatici, dell’energia, dell’acqua, dei trasporti) per favorire un modello di sviluppo economico sostenibile evidenziando la potenzialità della collaborazione fra le aziende.
Il movimento si propone di sfruttare anche l’onda degli open data mettendo a disposizione in formato elaborabile le informazioni finora detenute solo dalle amministrazioni pubbliche e aziende private. Gli sviluppatori che si riconoscono nel movimento Cleanweb potrebbero sfruttare questa opportunità per fornire strumenti in grado di gestire in modo più efficiente le risorse.

Trackbacks/Pingbacks

  1.  Bi-weekly #startup update | News | Smart Italy

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *